Qualità da sviluppare: come fare?

Qualità da sviluppare: come fare?

Solitamente questa domanda porta a pensare che vi sia una ricetta da seguire, come quando si va dal medico.

Pretese della mente schiava abituata alla modalità esterno/interno.

Molti utilizzano questa modalità per presentare i propri prodotti o approcci, in modo tale da sensibilizzare l’eventuale cliente ad orientarsi verso la propria soluzione.

Nel caso delle qualità interiori, il funzionamento è diverso in quanto la prima cosa da fare è cercare di uscire dalla con-fusione tra introietti limitanti e quelle che sono invece le vere qualità di ognuno di noi.

Per riuscire a vedere le proprie qualità, bisogna distinguerle dalle idee apprese ed introiettate che hanno creato schemi debilitanti. Un po come si fa quando si pulisce un giardino dalle erbacce. Bisogna riconoscere e tagliare quelle malsane per il giardino.

Quindi il primo passo è la consapevolezza di queste erbacce interiori.

Ad esempio, come posso distinguere la rabbia malsana da quella sana?

La prima, nasce dalla identificazione alla propria reattività sulla base di paure create dagli schemi introiettati, provenienti dalla famiglia, società e cultura.

La rabbia sana invece, nasce dalla consapevolezza di utilizzare questa forma di energia per difendersi dalle intrusioni altrui nel proprio spazio sacro.

La rabbia malsana agisce tramite la reattività che avviene in modo inconsapevole.

Quando cammino in auto e qualcuno mi taglia la strada reagisco con rabbia insultando l’altro. Sento avvolgere il corpo da una forma di energia che non posso gestire.

Un meccanismo del genere si scatena da uno schema pensiero, fondato sul sentirsi feriti da un azione di uno sconosciuto. Mancanza di stima di sé, per cui si da importanza a ciò che accade esternamente.

La rabbia sana invece nasce da una dose di autostima, per cui valuto me stesso e nel momento in cui sento invaso il mio spazio sacro, utilizzo l’energia della rabbia per evitare di essere invaso dalla prevaricazione altrui. Questa è una qualità.

Apparentemente le due forme di rabbia si manifestano nello stesso modo, cioè una forma di energia in movimento. Tuttavia, quello che cambia è il vissuto interno della persona.

La qualità è diversa dalla reattività.

E’ importante questa distinzione, in modo da chiarirsi quale sia il movimento esistenziale che va dall’interno verso l’esterno (rabbia utilizzata consapevolmente),  dal movimento reattivo che si vive in modo passivo dall’esterno verso l’interno (rabbia inconsapevole).

Quali sono le qualità che fanno parte dell’essere umano?

Ognuno ha delle proprie qualità. Ad esempio c’è chi nutre un grande interesse per il mondo, quindi ha la curiosità per tutto.

Chi ha la qualità della lungimiranza, cioè ha una spiccata capacità di dare senso e vedere oltre a quelle che possono essere le aspettative momentanee.

Qualcuno ha una forte perseveranza in quello che fa.

Troviamo la gentilezza, la generosità, il senso civico, la cautela. Insomma ve ne sono tante di qualità. Importante è individuarle e coltivarle.

In questo post viene consigliata questa risorsa da utilizzare per lavorare proprio sullo sviluppo delle qualità.

La trasformazione dell’inconscio nella formazione della personalità e nella realizzazione spirituale:

 

Yoga: Volontà e Sviluppo delle Qualità Interiori
La trasformazione dell’inconscio nella formazione della personalità e nella realizzazione spirituale. Seminario dal 23 al 27 agosto 2003
€ 34.0001

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *