Creatore dei tuoi pensieri

Creatore dei tuoi pensieri è il titolo che vuole essere una porta da aprire per accedere al proprio mistero del subconscio.

Intanto dai uno sguardo a questa foto e ti renderai conto della struttura della mente

 

 

Questa immagine aiuta a comprendere il proseguo dell’articolo.

La mente è costituita da una parte cosciente e una parte subconscia, le quali sono collegate al corpo.

Focalizziamoci in questo post solo sulla parte che interessa i pensieri, altrimenti si prospetterebbe un articolo molto lungo nella spiegazione.

I pensieri sono il risultato dell’interazione del corpo con l’ambiente esterno, percepito attraverso i sensi.

Questo rappresenta una minima parte della mente che ha a che fare con il proprio aspetto cosciente (circa il 7/10%).

La stragrande maggioranza dei pensieri che nascono, provengono dal subconscio e sono il risultato del paradigma creato attraverso gli schemi appresi durante il corso degli anni a partire da quando si è nati, fino ai 5/6 anni, per ciò che concerne gli schemi base.

Inoltre il subconscio contiene anche tutte le esperienze e modi di pensare formatosi durante l’arco della propria vita.

L’introiezione avviene attraverso un sistema di sensibilizzazione proveniente dalla cultura predominante. Dove un forte potere lo hanno i cosiddetti mass media e oggi anche i social media.

Tutto ciò che guida la propria vita proviene dal subconscio. Quindi i tipi di pensieri che si hanno sono generati dal paradigma contenuto nel subconscio.

Quando si continua ad avere pensieri rivolti alle preoccupazioni, alla paura, alla poca autostima, questi vanno ad incidere sul corpo. Infatti solitamente una persona chiusa nelle spalle con sguardo rivolto verso il basso, significa che ha molti pensieri denigranti la propria autostima. Pensieri da vittima.

Bisogna comprendere una verità assoluta, che da alcuni anni sta emergendo nel campo della scienza. Tale verità si esprime attraverso nuove forme approcci come l’epigenetica o le varie connessioni tra universo e individuo, cioè che ogni essere umano è in grado di cambiare non solo i propri pensieri, ma anche la struttura della mente.

Cambiare la struttura della mente, significa cambiare il proprio paradigma di riferimento contenuto nel subconscio.

Se anni fa si aveva il retaggio culturale di considerare il subconscio solo accessibile a studiosi di psichiatria, oggi si ha la possibilità, previo addestramento, ad avere accesso al proprio subconscio a chiunque.

Ognuno può essere il creatore dei propri pensieri, quindi delle proprie emozioni e di conseguenza della propria vita. D’altra parte l’essere umano è una creatura del creatore, ed in quanto tale contiene in sé la qualità del creatore stesso.

Come si fa a cambiare i propri pensieri?

Bisogna come prima cosa divenirne consapevoli, per poi lavorarci.

Siamo stati abituati a voler sfuggire dal dolore e orientarsi verso il piacere. Questo è un aspetto che fa parte dell’organismo. Infatti anche gli animali seguono tale predisposizione genetica.

Solo che l’uomo essendo di un livello di complessità maggiore, nella gerarchia degli esseri vivente, possiede anche qualche facoltà in più, che è proprio la consapevolezza.

Quindi divenire consapevole dei propri pensieri provenienti dal subconscio, significa anche accettare momenti di dolore, di sofferenza che provengono dalle esperienze del passato introiettate nel subconscio e conservate per paura di soffrire.

La propensione è quella di essere vittima o carnefice di se stessi e quindi anche nei confronti del mondo.

Attualmente si può lavorare per acquisire la consapevolezza necessaria a diventare non più vittima, ma creatore dei propri pensieri, delle proprie convinzioni e imparare a percepire l’energia che lega ogni organismo per produrre cambiamenti nella vita, aiutando al tempo stesso l’umanità ad evolvere verso un nuovo livello di comprensione e pace.

Tutto questo può essere possibile lasciandosi coinvolgere da chi ha intrapreso un percorso del genere e ha creato una connessione tra biologia e spiritualità.

Inoltre nel caso dei pensieri è importante  riconoscere i pensieri di appartenenza al vecchio paradigma, per poi scrivere (carta e penna, in quanto l’attività di scrivere aiuta all’introiezione) i nuovi pensieri che si vuole introiettare nel subconscio per creare un nuovo paradigma congeniale ad una vita più sana e felice.

Per questo nel concludere l’articolo viene consigliato un evento dal vivo con due grandi scienziati della nuova era che si terrà nel 2019 a Roma

 

Bruce Lipton e Gregg Braden per la prima volta a Roma
€ 350,00

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *